Lo chiamano Gambero Bamboo perché lo vedi tutto taciturno, così discreto e pacifico che quasi sembra una pianta.

Convive bene con tutti, proprio in virtù della sua indole: è uno di quei tipi che non dà noie e allo stesso tempo non vuole fastidi.

Si chiama Atyopsis Moluccensis ed è anche uno straordinario filtratore, dote importante quando arriva il momento di procacciarsi il cibo.

Se vuoi saperne di più, continua a leggere. In questo post parleremo di:

  • Le caratteristiche da conoscere del gambero bamboo
  • Qual è il miglior acquario per Atyopsis Moluccensis
  • Cosa puoi dare da mangiare a questo crostaceo d’acqua dolce.

Sei pronto?

Iniziamo.

ATYOPSIS MOLUCCENSIS: CARATTERISTICHE DI QUESTO GAMBERO D’ACQUA DOLCE

HABITAT NATURALE

Atyopsis Moluccensis è un interessante crostaceo che popola le acqua dolci del Borneo, della Thailandia, della Malesia, di Singapore, dello Sri Lanka e delle isole Molucche (alle quali deve il suo nome).

Lo si può trovare prevalentemente in corsi d’acqua in quota che sfociano nel mare.

Un fattore che accomuna i vari torrenti e fiumi in cui è stato osservato in natura è la presenza di un discreto flusso di corrente.

CARATTERISTICHE FISICHE

In natura, l’Atyopsis può arrivare a misurare 10 cm ed ha un’incredibile aspettativa di vita che può arrivare a superare i dieci anni.

Questa specie presenta un dimorfismo sessuale abbastanza evidente una volta raggiunta la maturità sessuale: i maschi sono di taglia maggiore ed hanno anche le prime due zampe più robuste.

Le femmine, invece, hanno gli scudi ventrali più lunghi, così da poter mantenere le uova.

ACCOPPIAMENTO E RIPRODUZIONE

Far riprodurre in acquario questi esemplari non è affatto semplice, dal momento che questo crostaceo ha bisogno di acqua salmastra per la schiusa delle uova e per il corretto sviluppo delle larve.

In ogni caso, il processo funziona in questo modo: prima di tutto, la femmina deporrà e porterà con sé anche un centinaio di uova fino alla loro schiusa, dopodiché lascerà le larve al proprio destino.

Appena schiuse le larve sono misurano appena 1 mm.

ACQUARIO PER ATYOPSIS MOLUCCENSIS

Se deciderai di allevare questa specie, ti consiglio di acquistare un gruppetto composto da almeno cinque esemplari da inserire in almeno 80 litri di acqua.

L’allestimento, poi, dovrà essere composto da sabbia fine, rocce, legni (in modo da poter ricreare i nascondigli) e piante acquatiche. L’illuminazione non dovrà essere eccessiva ed il movimento dell’acqua discreto. 

Creare il maggior numero di nascondigli è un’operazione di enorme importanza perché sono fondamentali per questi crostacei per poter trascorrere tranquillamente i vari periodi delle mute.

COSA MANGIA ATYOPSIS MOLUCCENSIS

Nel proprio areale si ciba filtrando l’acqua e catturando tutta una serie di microrganismi sia animali che vegetali.

Per questo motivo, in acquario è importante alimentarlo con mangimi che possano riprodurre al meglio la sua dieta naturale.

CONCLUSIONI

Abbiamo finito.

Questa specie ha un carattere tendenzialmente pacifico, motivo per cui lo si può allevare con la maggior parte delle specie di piccole dimensioni.

In ogni caso fai molta attenzione a che queste non siano aggressive o eccessivamente territoriali.

Tutto chiaro?

Ti consiglio di chiedere un preventivo per il tuo acquario su misura, in modo tale da farti consigliare da un nostro esperto.

Recent Posts