Fate largo, arriva il pesciolino più intelligente di tutti.

Come faccio a dirlo?

Guarda tu stesso.

Riesci a notarlo? Il Carassius Aratus ha un cervello così grande che esce fuori dalla sua scatola cranica.

Cose da non credere.

Tra gli acquariofili, però, quell’enorme massa sulla sua testa è stata vista come una criniera: per questa ragione questo pesciolino è conosciuto anche con il soprannome di Oranda Testa di Leone.

Vuoi saperne di più su questo curiosissimo esemplare? Continua a leggere, in questo post parleremo di:

  • Le caratteristiche da conoscere dell’Oranda Testa di Leone
  • Qual è il miglior acquario per Carassius Auratus
  • Cosa puoi dare da mangiare a questi pesciolini.

Sei pronto?

Iniziamo.

CARASSIUS AURATUS: LE CARATTERISTICHE DI QUESTO PESCE D’ACQUA DOLCE

CARATTERISTICHE FISICHE

Questi esemplari presentano molteplici colorazioni e, se allevati correttamente, possono raggiungere e superare i 30 cm di lunghezza.

Ma, come avrai capito, l’elemento distintivo di questi pesciolini è l’escrescenza che si trova sulla sua testa.

Il ‘cervellone’, insomma, o la criniera di leone. Come preferisci.

Anche se devi sapere che il termine tecnico è ‘cappuccio’.

Questa caratteristica si sviluppa intorno ai 3 mesi di vita e raggiunge il pieno sviluppo solo intorno ai 2/3 anni.

I Carassius ‘Lionhead’ presentano un dimorfismo sessuale evidente: gli esemplari maschi sono più snelli delle femmine e, nel periodo riproduttivo, mostrano i tubercoli nuziali sull’opercolo brachiale, sul dorso e sulle pinne pettorali. 

HABITAT

Questa specie non è presente in natura, ma è il prodotto di un’ibridazione portata avanti dall’uomo.

Devi sapere, infatti, che in Giappone e in Cina iniziarono ad allevare questi pesci oltre 1500 anni fa con fini puramente estetici.

La specifica razza che ti sto presentando è solo una delle molteplici varietà che sono state ricavate dall’allevamento dell’originale Carassius Auratus.

ACCOPPIAMENTO E RIPRODUZIONE

La riproduzione di questi esemplari avviene esclusivamente in grandi acquari.

Il maschio inizia un intenso corteggiamento della femmina che terminerà con l’accoppiamento.

Quest’ultima, poi, espellerà le uova che saranno rapidamente fecondate dal compagno.

La schiusa avviene generalmente dopo circa cinque giorni ed il riassorbimento del sacco vitellino dovrebbe avvenire in una decina di giorni al massimo.

Una volta trascorso questo periodo, gli avannotti dovranno essere alimentati con Naupli di Artemia o appositi mangimi in polvere.

ACQUARIO PER CARASSIUS AURATUS

Per allevare questi pesciolini in acquario devi tenere a mente, come ti ho già anticipato, che possono raggiungere taglie relativamente importanti.

In virtù di ciò, ti consiglio di acquistare un acquario da almeno 400 litri così da potervi inserire 5 o 6 esemplari.

Per ciò che riguarda l’allestimento, dovrai posizionare della sabbia finissima oppure della ghiaia grossolana, ciottoli e qualche roccia liscia.

Ti sconsiglio di inserire piante perché molte volte, specialmente se non li alimenti correttamente, i Carassius Auratus possono divorarle.

Al limite puoi provare ad inserire qualche Anubias.

COSA MANGIA CARASSIUS AURATUS?

Quando vai ad alimentare i tuoi pesciolini, ricordati di dare poco cibo a più riprese.

Concretamente, puoi fornire:

  • Mangime secco granulare di buona qualità
  • Vermi
  • Chironomus
  • Verdure sbollentate (così da mantenere una dieta onnivora)

CONCLUSIONI

Abbiamo finito.

Questa varietà di Carassius soffre particolarmente gli sbalzi termici: per questo motivo ti consiglio di monitorare sempre con grande attenzione la temperatura del tuo acquario per mantenerla costante.

Tutto chiaro?

Se ti senti pronto ad allevare questo cervellone, chiedi un preventivo per un acquario su misura che possa essere in grado di esaltare le caratteristiche di questi bellissimi pesciolini.

Recent Posts