La Chersina Angulata è una tartaruga tanto rara quanto affascinante. Corre tra la vegetazione costiera della macchia del Sud Africa, dove i locali la chiamano “Rooipens skilpad” (tartaruga rossa).

Notato niente di strano? Sì, esatto: questa tartaruga corre. Diversamente da quello che puoi pensare, quest’animale si muove in modo rapido dentro e fuori dalla vegetazione.

Ma purtroppo devo darti subito una brutta notizia: è davvero difficile da trovare sul mercato in Italia. Si tratta di una vera e propria rarità.

Ecco perché avessi la fortuna di poterne comprare una, non puoi farti trovare impreparato. In questo ho raccolto tutte le informazioni di cui hai bisogno:

  • Le caratteristiche principali della Chersina Angulata
  • Come allestire un terrario per questa tartaruga terrestre
  • Cosa mangia la testuggine angulata.

Chersina Angulata: le caratteristiche di questa tartaruga terrestre

L’habitat della testuggine angulata

La Chersina Angulata vive tra steppe e boscaglie, anche in territori sabbiosi, di alcuni stati dell’Africa:

  • Namibia
  • Botswana
  • Sud Africa, come abbiamo già detto.

Questa tartaruga è prevalentemente diurna: per la maggior del tempo cerca cibo, mentre quando fa troppo caldo – vive pur sempre in Africa – si rifugia tra cespugli e anfratti vari.

Caratteristiche fisiche

La testuggine angulata, come pure è conosciuta, raggiunge i 20-22 cm tra i maschi, mentre le femmine sono più piccolo – arrivano mediamente sui 16/18 cm.

Le zampe sono di colore scuro, con macchie beige – stesso colore della testa, che nella parte superiore è solitamente nera. Queste macchie beige coprono anche lo scuro carapace ovale. Il piastrone, invece, è rosso chiaro – maculato di nero.

Le placche gulari del piastrone e quelle nucali del carapace sono spostate molto in avanti: i maschi di Chersina Angulata sfruttano questa caratteristica per ribaltare il rivale durante le lotte.

Accoppiamento e riproduzione

Ma come si riconosce un maschio? In realtà il dimorfismo sessuale è poco evidente, anche se gli esemplari maschi hanno la coda più lunga e larga delle femmine.

Inoltre, come è stato osservato, il corteggiamento da parte delle tartarughe maschio è davvero brutale. Lottano tra loro, cercano di rovesciarsi e spesso il perdente rimane rovesciato, sotto al sole, fino alla morte.

Le femmine depongono un unico uovo, fino a 4-5 volte per stagione. La schiusa in natura avviene trascorso un periodo compreso tra i 4 e gli 8 mesi. Incubate artificialmente, invece, avremo la schiusa trascorsi circa 120 giorni, ad una temperatura di incubazione di 30°C.

Proprio per la limitata riproduzione questa specie è inserita nella II Appendice della CITES – come ti ho detto, è abbastanza rara in commercio.

Tartarughiera per Chersina Angulata: come allevarla nel modo migliore

Per un corretto mantenimento in cattività, occorre un terrario di almeno 160×80 cm, idoneo per ospitare una coppia, oltre alle indispensabili lampade UV.

Dovrà essere riprodotto un clima secco, il più possibile senza umidità: l’ideale per questo scopo sono i trucioli.

Allo stesso tempo, per evitare l’innalzamento del tasso di umidità, la ciotola per abbeverarsi dovrà essere lasciata a disposizione solo un paio di ore ogni 2/3 giorni.

Le temperature, infine, dovranno essere impostate in questo modo:

  • sui 26°C in tutto il terrario, con 32°C nella zona calda, di giorno;
  • intorno ai 22°C, di notte.

Cosa mangia la testuggine angulata?

La Chersina Angulata ha una dieta vegetariana. In cattività possiamo alimentarla con:

  • radicchi
  • cicorie
  • erbe selvatiche (trifoglio, piantaggine e tarassaco)

Si consiglia una costante integrazione di calcio e di limitare alimenti ricchi di zuccheri, come la frutta, in quanto non fanno parte dell’alimentazione consigliata per questo animale.

Conclusione

Abbiamo finito. Buona ricerca della tua tartaruga rossa, come è conosciuta tra i nativi sudafricani.

Prima di salutarci voglio farti un’ultima raccomandazione: evita di mettere insieme 2 o più maschi. Sono molto territoriali e sopportano poco e male la presenza di un altro simile nei paraggi.

Tutto chiaro?

Lascia un commento se hai dubbi, ti risponderemo il prima possibile. Intanto puoi iniziare a chiedere un preventivo per una tartarughiera su misura ideale per questa specie.

Recent Posts