La tartaruga terrestre di oggi è di estrema bellezza e rarità.

Per questo motivo è inserita nella II Appendice della CITES ma, nonostante questa norma protezionistica, esiste un mercato illegale asiatico per utilizzi alimentari.

In questo articolo vedremo le sue caratteristiche, l’alimentazione, la riproduzione e il miglior modo per allevarla.

Sei pronto? Iniziamo.

 

Caratteristiche

Geochelone Platynota è presente quasi unicamente nello stato indiano del Burma, alcune popolazioni sono state osservate nelle zone che confinano con la Thailandia.

L’ambiente in cui si hanno maggiori probabilità di osservarla è caratterizzato da ampie distese per lo più pianeggianti, ricche di vegetazione arbustiva con scarsa presenza di alberi ad alto fusto.

Specie di giorno è particolarmente attiva nella ricerca del cibo nelle ore non troppo calde della giornata. Nelle ore calde preferisce ripararsi all’interno di qualche cespuglio o all’ombra di qualche roccia.

Questa specie per molti anni è stata considerata come una sottospecie di Geochelone Elegans  vista la somiglianza.

Si differenzia per alcuni particolari:

  • la Platynota ha anch’essa 6 raggi di colore giallo su fondo nero per ogni scuto
  • la direzione però di quest’ultimi è differente
  • mancano quelli in posizione orizzontale rispetto al carapace.

Il carpace solitamente non presenta quelle formazioni a forma piramidale, o comunque sono molto meno evidenti, caratteristiche di Geochelone Elegans.

Il piastrone è di colore giallo con macchie nere poco definite di forma triangolare su ogni scuto.

La colorazione della pelle di testa e zampe è gialla.

Raggiunge una dimensione massima di 35 cm.

Il dimorfismo sessuale è evidente: la coda dei maschi è più lunga e più larga alla relativa base mentre il carapace delle femmine è di forma più rotondeggiante rispetto a quello più allungato dei maschi.

 

Allevamento: ecco quello che ti serve

Ecco per te qualche consiglio per l’allevamento:

  • ti consiglio di allevare un maschio assieme a due femmine
  • scegli un terrario di almeno 180×100 cm, con un substrato formato da trucioli e la presenza in un paio di punti di fieno.
  • la temperatura deve essere mantenuta attorno ai 32°C per il giorno, nel punto caldo, per calare ai 24°C nelle ore notturne
  • il tasso di umidità invece dovrebbe variare a seconda delle stagioni.in inverno intorno al 60% per aumentare fino all’80% in estate.
  • fondamentale l’utilizzo di una lampada UVB da mantenere ad una distanza media di 35 cm dagli esemplari.

Per mantenere una corretta umidità possiamo aiutarci nebulizzando giornalmente il terrario.

L’ultimo consiglio mi sento di darti è quello di posizionare un contenitore con 3 cm di acqua nelle immediate vicinanze del punto caldo.

 

Dieta e riproduzione

La dieta di questa specie è prettamente vegetale: radicchi e cicorie integrando con Trifoglio e Tarassaco

Una volta alla settimana è utile somministrare delle integrazioni di calcio nell’alimentazione.

La riproduzione avviene in maniera brutale. Le femmine depongono una media di cinque uova per un massimo di tre deposizioni annue.

L’incubazione a temperatura di 30°C avrà una durata variabile compresa tra 90 ed i 130 giorni.

Cosa ne pensi di questa rara tartaruga? Fammelo sapere nei commenti.

 

Nel frattempo se sei indeciso scopri il prezzo di una tartarughiera su misura per te cliccando qui

 

Articolo di
Gregory Rossi

Recommended Posts

Leave a Comment