Oggi parliamo di un specie d’acqua dolce che nel corso degli anni si è conquistato il soprannome di Squaletto, per la propria somiglianza ad uno squalo.

Parliamo dell’Epalzeorhynchos Bicolor, maggiormente noto come Labeo Bicolor o Labeo dalla Coda Rossa.

In questo articolo andremo a vedere le sue caratteristiche, l’alimentazione e l’allevamento.

Pronto? Iniziamo.

Caratteristiche

Nel proprio ambiente naturale può raggiungere i 15/18 cm di lunghezza, solitamente in acquario non supera però i 10/12 cm.

L’aspettativa di vita può superare i 10 anni, se allevato correttamente, .

Proviene principalmente dalla Thailandia e dalla Cambogia dove popola corsi d’acqua con profondità superiori agli 80 cm, con acqua ossigenata e con una discreta corrente.

Solitamente il fondale di questi corsi d’acqua è formato da sabbia fine con abbondante presenza di rocce.

Nella stagione delle piogge è stato osservato che molti esemplari si spostano nelle aree pianeggianti alluvionali che vengono inondate dalle frequenti e abbondanti precipitazioni.

La colorazione del corpo, comprese le pinne è nera con esclusivamente la coda di un colore rosso acceso.

Allevamento

Il Labeo Bicolor è una specie molto territoriale: mostra la propria aggressività con specie più piccole e pacifiche nonché con esemplari della stessa specie.

Ti consiglio quindi:

  • inserisci un singolo esemplare per ogni acquario: essendo un predatore, se inserito in una vasca di comunità, non noteremo riproduzione alcuna, in quanto andrà a cibarsi sia delle uova che degli avannotti.
  • un acquario di almeno 200 litri con un fondo sabbioso
  • presenza di legni, radici e rocce in modo tale da formare un gran numero di nascondigli;
  • aggiungi piante acquatiche per completare il relativo biotopo.
  • copri la vasca in modo da evitare improvvisi salti.

 

Alimentazione e riproduzione

Nel proprio ambiente naturale si ciba principalmente di:

  • piccoli crostacei,
  • insetti
  • alghe.

In cattività andrà nutrito con varie tipologie di mangime tra cui:

  • buon secco granulare
  • del cibo vivo come ad esempio Artemia e Chironomus
  • verdure bollite: spinaci, piselli e zucchine;

Potrai osservarlo  in acquario intento a brucare il biofilm venutosi a creare su radici e rocce.

Per quanto riguarda la riproduzione in acquari domestici, non si hanno notizie certe.

Negli allevamenti professionali viene effettuato con l’aiuto di ormoni.

La deposizione avviene solitamente su di una radice o di una roccia.

Una volta deposte le uova delle stesse si occuperà il maschio e la stessa cosa vale per la cura degli avannotti.

La schiusa avviene normalmente dopo 2/3 giorni dalla deposizione.

I piccoli nuoteranno liberamente trascorsi 3/4 giorni. Il dimorfismo sessuale non è evidente, solitamente le femmine adulte sviluppano un corpo più arrotondato rispetto ai maschi.

Questa specie in natura era considerata estinta nel 1996, successivamente in alcuni fiumi della Thailandia sono state osservate varie popolazioni.

Resta comunque una specie ad alto rischio di estinzione.

La causa principale della forte diminuzione di questa specie in natura è la pesca finalizzata al rifornimento dei mercati acquariofili di tutto il mondo.

 

Ti è piaciuto questo piccolo “squalo”?  Puoi calcolare il prezzo del tuo preventivo cliccando qui.

 

Articolo di

Gregory Rossi

 

Recent Posts

Leave a Comment