Hai mai visto questo simpatico pesce?

Botia Kubotai è una delle più ricercate specie di Botia nel commercio acquariofilo.

Questa specie è stata descritta e nomenclata “solamente” nel 2004, fino a quel momento veniva indicata semplicemente come Botia sp. Myanmar.

In questo articolo andremo a conoscerlo più da vicino.

Sei pronto? Iniziamo.

 

Caratteristiche

Come si può intuire dal nome, proviene dal Myanmar, dai corsi d’acqua che formano il bacino del fiume Salween.

Ma non solo: è stato osservato in altri corsi d’acqua del Myanmar e della confinante Thailandia.

Cosa hanno in comune questi corsi d’acqua?

  • una buona ossigenazione dell’acqua
  • movimento moderato dell’acqua
  • presenza di un fondo sabbioso con abbondante presenza di residui di fogliame, radici e tronchi affioranti
  • vegetazione sulle sponde che scherma la luce solare

Ha un’aspettativa di vita di circa 10 anni e può raggiungere una lunghezza massima di 15 cm.

Il dimorfismo sessuale negli adulti è evidente: le femmine mostrano un ventre più arrotondato rispetto ai maschi. I maschi invece hanno la forma del muso più allungata.

Possiede delle spine sub oculari che normalmente sono nascoste all’interno della pelle. In caso di pericolo possono essere estroflesse.

Nel proprio habitat naturale ha una dieta principalmente carnivora, predando piccoli molluschi e crostacei ma saltuariamente foglie e germogli di piante acquatiche.

 

Allevamento

Per un corretto allevamento ti consiglio di:

  • acquistare almeno 6/8 esemplari possibilmente della stessa taglia: rapidamente si verrà a creare all’interno del gruppo una gerarchia e molti comportamenti sociali ancora inspiegabili.
  • acquistare una vasca con una capacità minima di 350 litri
  • allestire la vasca con sabbia fine, magari non di colorazione chiara
  • inserire varie rocce arrotondate, piante acquatiche e radici, per realizzare più nascondigli possibili.
  • coprire la vasca per evitare improvvisi salti
  • tenere la temperatura attorno ai 26°C.
  • effettuare cambi parziali del 30% la capacità dell’acquario ogni dieci giorni circa, per mantenere una qualità dell’acqua a livelli ottimali.

 

Alimentazione e ultime considerazioni

Per la sua alimentazione puoi fornirgli:

  • mangime secco in granuli
  • Artemia
  • verdure bollite
  • frutta fresca (in piccole quantità)

Il Botia Kubotai è compatibile con le altre specie di Botia e con la maggior parte dei pesci, a patto che non siano troppo piccoli di dimensione e non abbiano pinne particolarmente sviluppate (come ad esempio i Betta Splendens).

Talvolta può subire i Flagellati che sono facilmente curabili se riconosciuti in tempo utile.

La riproduzione in acquario è avvenuta ma non è facile da ottenere.

 

Ora che conosci questo raro pesce puoi calcolare il prezzo del tuo preventivo cliccando qui.

 

Articolo di

Gregory Rossi

Recent Posts

Leave a Comment